In un comunicato stampa del 15 settembre, le due associazioni di categoria aderenti a Confcommercio Imprese per l’Italia smentiscono le voci su presunti aumenti per l’acquisto dei testi e dei set scolastici. “Caro libri? inutili allarmismi. Quest'anno la spesa scende del 6%" Scuola kit e defiscalizzazione dei libri. Le iniziative di Ali e Federcartolai 

“Caro-libri, solo inutili allarmismi”. A dirlo sono le Associazioni dei librai e dei cartolai aderenti a Confcommercio Imprese per l’Italia, con il Presidente di ALI Alberto Galla ed il Presidente di Federcartolai Medardo Montaguti. Che, alle voci di (ogni) inizio d’anno sul presunto aumento delle spese scolastiche legate all’acquisto dei libri e agli articoli di cartoleria, rispondono con un dato secco: per libri e materiale scolastico le famiglie spenderanno in media il 6% in meno rispetto all’anno scorso. “Il dato non proviene dalle associazioni di categoria – precisano i due presidenti - ma dall’Osservatorio nazionale di Federconsumatori”.
Una diminuzione dei costi legata al tetto di spesa stabilito dal ministero della Pubblica Istruzione, ma anche alle iniziative messe in campo da Federcartolai da un lato, con pacchetti di prodotti dallo zaino alla cartoleria a prezzi scontati (come la campagna ‘Scuola kit’), e da Ali-Confcommercio dall’altro per chiedere la defiscalizzazione dei libri di testo per le fasce più deboli (obiettivo già raggiunto in alcune regioni, come ad esempio il Veneto). “Nonostante le difficoltà dettate in gran parte dalla crisi – spiega Medardo Montaguti – le cartolerie aderenti a Confcommercio Imprese per l’Italia si attivano ogni anno con iniziative distribuite capillarmente in tutto il territorio per agevolare le famiglie nell’acquisto degli strumenti indispensabili all’istruzione dei propri figli”. “Siamo convinti che le famiglie debbano poter detrarre le spese sostenute per i testi scolastici dei figli così come avviene per quelle mediche – aggiunge Alberto Galla– Ma ci sono iniziative concrete già avviate sul territorio: a Verona abbiamo dato vita a un’azione congiunta con Adiconsum per informare i cittadini su come affrontare l’acquisto dei libri di testo e il corredo scolastico”.