Indici di lettura fermi da 17 anni cioè ai livelli del 2001: è questa la sintesi impietosa del nuovo rapporto Istat