Annullata per l'emergenza sanitaria in atto, l'edizione di quest'anno.

Leggi il comunicato stampa.

IL NUOVO DPCM BLOCCA ANCHE IL PREMIO LETTERARIO SPORTIVO “MEMO GEREMIA”.
L’ASCOM: “COSTRETTI PER DECRETO ALLA RESA MENTRE ERAVAMO PRONTI PER UN’EDIZIONE-PONTE CHE AVREBBE AVUTO IL CICLISMO (ANCHE PER CELEBRARE LA “STORICA” TAPPA DEL GIRO A MONSELICE) IN VESTE DI PROTAGONISTA”

Ce l’avevano messa tutta, pedalando “in direzione ostinata e contraria” anche in tempo di pandemia.

Avevano provato a combattere contro i tempi discordi del Coronavirus, con la tempra degli “scalatori” che sfidano i passi di montagna con rabbia e sudore.

Ma un DPCM in più li ha fermati: stop, punto e basta!

Il comitato e la giuria del premio letterario sportivo dedicato all’indimenticabile Memo Geremia, dopo due mesi di riunioni in zoom, di condivisione di progetti, di contatti intessuti febbrilmente con sportivi tecnici e scrittori hanno dovuto a malincuore – ma solo momentaneamente - gettare la spugna.

La settima edizione del Premio quest’anno “non s’ha da fare”, e l’ostinazione di una intera squadra di “matti e disperatissimi” si è infranta sull’ennesimo lockdown dettato dalla pandemia.

Sarebbe stata comunque un’edizione ponte, un atto d’amore per un premio nato sette anni fa da un’idea di Franco Pasqualetti, vicepresidente di Ascom Confcommercio Padova, che si è tirato dietro un manipolo di scrittori, giornalisti, imprenditori, esperti del mondo dello sport, olimpionici e librai, creando dal nulla un evento dedicato alla letteratura sportiva italiana nel nome di Memo Geremia, al quale il figlio, l’avvocato Giampietro, ha concesso di intitolarlo.

Sarebbe stata un’edizione, “complice” anche la tappa del Giro d’Italia a Monselice, concentrata sul mondo del ciclismo, con sportivi, giornalisti, autori testimonial anche del mondo del Coni e dell’Università che avrebbero garantito uno spettacolo emozionante come quello delle passate edizioni.

Ma quest’anno, complice la pandemia, sono venute meno le condizioni per poter realizzare con tutti i crismi l’edizione 2020, a partire dal lavoro paziente e instancabile di una giuria a cui è stato riconosciuto - anche dagli editori contattati in questi anni a partire dal Salone del Libro di Torino – il merito di leggere veramente tutti i libri che arrivano in concorso.

“Ci fermiamo per una tappa, ma il giro continua – ha affermato Franco Pasqualetti, continuando con la metafora ciclistica – e tutto quello che abbiamo raccolto quest’anno lo rimetteremo in gioco per la prossima edizione”.

“Edizione che – ha promesso Patrizio Bertin, che dell’Ascom Confcommercio di Padova, organizzatrice del Premio, è il presidente – sarà ancora più bella e importante”.

PADOVA 2 NOVEMBRE 2020

 

 

  • Eventi (51)

  • News (229)

  • Associarsi (2)

    Associati all'Ali. Tanti privilegi per gli associati. 

    il 2020 è stato un anno molto difficile per il Paese e per le nostre imprese, ma anche un anno nel quale siamo riusciti ad ottenere alcuni importanti risultati per la categoria: approvazione e entrata in vigore della legge sul libro, riconoscimento del libro bene essenziale, aumento della dotazione del tax credit di cui finalmente hanno potuto beneficiare una platea ampia e realmente rappresentativa di librerie e infine gli acquisti delle biblioteche nelle librerie del territorio.

    Questi risultati hanno solo in parte consentito alle nostre imprese di limitare i gravi danni conseguenti alle misure per il contrasto della crisi sanitaria e per questo il 2021, oltre a lavorare per la conferma delle misure ottenute nel 2020, dovrà essere, soprattutto nella prima parte, focalizzato nel cercare di far comprendere alle istituzioni che i problemi non sono risolti e che vi sono ancora difficoltà nel nostro settore che se non rimossi possono determinare esiti pesanti per l’occupazione e per la presenza delle librerie nel territorio.

    Sostieni la nostra associazione, perchè con la partecipazione della tua impresa all’Associazione assieme possiamo cercare di affrontare e risolvere i molti problemi che ha la nostra categoria.